/ Concept

Il Palazzo dei Giureconsulti e il suo intorno sono da sempre caratterizzati da una stratigrafia storica importante che ha visto il susseguirsi di epoche e stili differenti.

Obiettivo del nuovo progetto è quello di riprendere questa continuità, forse persa nel corso degli ultimi decenni, facendo emergere gli aspetti più rilevanti del passato e aggiornando le esigenze dell'edificio alla contemporaneità e ad un uso flessibile e diversificato.

Spunto per una nuova immagine è la ricca decorazione dello Scalone Monumentale: dal mosaico a pavimento viene selezionata una nuova palette di colori che, in continuità con l'esistente, rafforzano il carattere degli spazi e aiutano il visitatore ad orientarsi in un percorso omogeneo pur nelle specificità dei diversi ambienti.

Il progetto prevede di utilizzare materiali dall’aspetto pregiato quali il legno di noce, finiture in ottone e la presenza di tessili a parete e boiseries, a ricordo del trascorso storico dell’edificio, ma utilizzati secondo un linguaggio improntato alla contemporaneità e volto a porre l’accento su specifici elementi.

Il progetto ruota attorno ad alcuni elementi chiave tra cui l'inserimento negli spazi distributivi e di transito di nuove soglie che, a partire dalla reception, accompagnano gli utenti in un percorso unitario, contribuendo al suo orientamento all’interno del palazzo. Grande importanza è assegnata anche al miglioramento e alla revisione dell’impianto illuminotecnico delle sale e degli spazi di circolazione: il nuovo lighting concept contribuisce all’identità del progetto e ad esaltare le caratteristiche storico-artistiche del Palazzo dei Giureconsulti.

Particolare importanza è data anche  al miglioramento del confort acustico degli spazi, a tale scopo sono stati utilizzati rivestimenti in tessuto fonoassorbente in PETfelt, materiale ottenuto dal riciclo della plastica delle bottiglie, applicati come boiseries contemporanee sulle pareti esistenti.

/ Identità visiva

Ogni piano risulta caratterizzato da uno dei colori della palette selezionata così da facilitare l'orientamento degli utenti. I colori sono applicati esclusivamente ai nuovi elementi quali arredi, boiseries, componenti varie, così da rendere evidente le aggiunte contemporanee pur nella ricerca di consonanza con il carattere del Palazzo.

Il progetto prevede anche la definizione di un nuovo logo e un nuovo font associato a tutta la comunicazione interna ed esterna. Il logo riprende in forme astratte la torre, elemento tra i più caratteristici e che ben rappresenta la stratigrafia del Palazzo; il titolo è giustificato riprendendo invece l'articolazione della facciata e del loggiato. Il font selezionato – Lubalin Graph Std Book e Demi – garantisce una buona leggibilità e contribuisce all'identità del complesso, il suo aspetto deciso risponde bene alle esigenze attuali e le grazie geometriche reinterpretano il carattere storico del Palazzo.

PROGETTO

P R O G E T T O

PROGETTO

Alessandra Castelbarco

Marco Di Nallo

Chiara Girolami

Caterina Coli

Valerio Panella

C R O N O L O G I A

Progetto 2011, Realizzazione 2012

CRONOLOGIA

Concorso 2020

Copia di:P R O G R A M M A

Ristrutturazione con recupero di sottotetto

ESITO

Terzo classificato

P R O G R A M M A

Ristrutturazione con recupero di sottotetto

PROGRAMMA

Progetto per nuovo

complesso scolastico:

asilo, elementari, medie,

palestra, mensa

e servizi.

L U O G O

L U O G O

LUOGO

Bevagna (PG)

S U P E R F I C I E

60 mq

SUPERFICIE

1.500 mq

Please reload

 
 
 

related projects

Un sistema di arredo modulare in diverse essenze di legno, che prende spunto dalle strutture di Sol Lewitt, e dal progetto Abitacolo di Munari.

Il progetto per il riallestimento del piano nobile di Palazzo Ducale a Urbino, sede della Galleria Nazionale delle Marche.

DOVE SIAMO

SEGUICI

Via A. Maffucci, 40

20158 Milano (MI)

Strada San Bartolo, 63

61121 Pesaro (PU)

+39.02.36557854

info@plusultra-studio.com 

This website was handmade with care

|  © 2020 plusultra-studio.com  |  privacy policy

tavola-3-LT